Home page
Dati scuola / Contattaci
Aiutaci a migliorare il sito
Sostieni la nostra scuola
Contenuti del sito
 
 
Eventi
Organi collegiali e componenti scolastiche
Genitori e insegnanti nella gestione della scuola
Scelte educative, organizzazione, servizi, progetti
Scuola, città ed enti locali
Aggiornamento professionale dei docenti
Documenti, elaborati delle classi, materiali di studio
Servizi di segreteria
Link per aree tematiche
 

Sabato 20 gennaio 2007


Scuola: rimettere al centro le peculiarità dei ragazzi.

Dal confronto genitori-insegnanti della media Da Vinci riflessioni e indicazioni per ripensare il ruolo odierno dell'educazione.
A partire da giovedì 25, altri tre incontri sul rapporto scuola-famiglia.

Entro il 27 gennaio molte famiglie reggiane saranno chiamate ad effettuare l'iscrizione alla scuola media. Si tratta di un momento
delicato in cui i genitori devono scegliere la scuola più adatta per i
propri figli, quella che segnerà il primo importante cambiamento nel
loro percorso scolastico e li accompagnerà nel difficile passaggio dall'infanzia all'adolescenza.

Per riflettere su questa scelta, giovedì 18 gennaio, insegnanti,
educatori e genitori si sono dati appuntamento presso la scuola
media "Da Vinci" (viale Monte San Michele 12) per discutere insieme
sulla scuola odierna, su problemi ed esigenze formative.
Dall'incontro "I genitori e il mondo della scuola media - Viaggio informativo nella scuola media dell'autonomia" sono emerse
importanti indicazioni su quello che può - e deve - essere il ruolo
odierno della scuola secondaria di primo grado e sul progetto
educativo alla base della didattica.

"Nella società moderna, caratterizzata da differenze culturali e
continue innovazioni - ha commentato Luciano Rondanini, ispettore
della pubblica istruzione - non è più pensabile che l'istruzione passi attraverso percorsi didattici basati sulla valutazione di prestazioni standard. Le nuove abilità sociali si basano sulla valorizzazione delle persone e delle loro differenze. È proprio su questo terreno che si gioca l'innovazione della scuola".
"E' necessaria una didattica nuova - ha proseguito Nicoletta Cherubini, formatrice - che a scuola valorizzi le differenze, anche attraverso la mediazione dei conflitti". Di fronte al cambiamento e alla tensione tra conservazione di vecchi modelli e sperimentazione di nuovi percorsi, "l'autonomia scolastica - ha aggiunto Mirco Riccò Panciroli, docente - ci impone oggi di coinvolgere e informare i genitori per offrire la giusta chiave di lettura ai nuovi orientamenti didattici e pedagogici che stanno al centro dell'esperienza educativa. La scuola deve ritrovare significati socialmente condivisi e diventare terreno comune di confronto e crescita".

L'incontro, aperto dall' assessore alla scuola Juna Sassi (Comune), ha visto inoltre gli interventi di Vincenzo Aiello, dirigente dell'ufficio scolastico provinciale di Reggio Emilia, Adil El Marouakhi, esperto di intercultura, Edda Carmeli Dallari dell'associazione "Il sasso nello stagno", Giovanna Valentinetti del Centro prevenzione sociale.

Per proseguire le riflessioni sviluppate nel corso della serata,
da giovedì 25 prenderà il via un ciclo di tre incontri tenuti da Laura Artioli del Centro di Prevenzione Sociale, organizzati dalla scuola Da Vinci in collaborazione con l'associazione "Un sasso nello stagno".
L'appuntamento è alle ore 21.00 presso la sede della scuola, dove si discuterà di "regole nella pratica educativa tra scuola e famiglia".




> Locandina incontro locandina incontro

zoom

 

zoom