<<
Torna ai corsi



I corsi in pillole "Da Vinci-Einstein"

Usare i motori di ricerca.

tempo di lettura: 6 minuti
grado di difficoltà: 0-1-2-3

Semplice ripasso: 40 secondi
(Leggete solo Titoli e Parole in Grassetto)



Siti, portali e motori di ricerca
(se conoscete bene le differenze scendete pure al prossimo titolo).

Sono le "parole magiche" di internet, chissà quante volte le abbiamo sentite nominare.
Ma cosa sono in pratica? E che differenza c'è tra un Sito e un Portale? E un Motore di ricerca?
Facciamo qualche distinzione:


Sito
:
è un luogo di internet in cui qualcuno ci parla di un argomento specifico, mettendoci a disposizione le informazioni e i materiali che ritiene opportuni.

Portale:
è un sito di raccolta, una porta di ingresso a internet che ci indica risorse, segnala siti in cui approfondire particolari temi, mette a disposizione servizi on line e spazi in cui gli utenti possono confrontarsi (forum).

Motore di ricerca:
è un sito specifico per le ricerche. Dotato di particolari programmi (motori), è in grado di "setacciare" internet per trovare informazioni o materiali in base alle nostre istruzioni.
Alcuni di questi siti offrono una gamma di categorie (directory) articolate in argomenti, possiamo così individuare quello più rispondente alla nostra ricerca e accedere all'elenco dei siti segnalati che se ne occupano.





I motori di ricerca.

Di solito siti e portali sono di facile consultazione. E' abbastanza semplice capire cosa offrono e come trovarlo.
Diverso è il discorso per i motori di ricerca: siamo noi a doverli interrogare. E se spesso ci soddisfano immediatamente, a volte possono risultare frustranti perché non danno risposte utili oppure ci rovesciano addosso un mare di informazioni. Ma ovviamente i risultati dipendono dal modo in cui formuliamo le nostre richieste.
Dunque tentiamo di capire come funzionano i motori di ricerca.




Ordine e rilevanza dei risultati.

I motori di ricerca riportano l'elenco delle pagine trovate tentando di stabilire un ordine di "rilevanza".
Utilizzando modelli analitici, stabiliscono una classifica dei documenti più attinenti alle parole o frasi che abbiamo inserito nel campo di ricerca (cioè le nostre "parole chiave").
Possiamo dunque supporre che le pagine riportate ai primi posti in elenco siano "le più utili". Ma non è sempre così.
Infatti la classifica si basa principalmente sulla ricorrenza delle nostre parole chiave all'interno di una pagina e sulla quantità di collegamenti (link) che da tutta la rete portano a quella pagina. Dunque la graduatoria non si basa sulla "qualità" dei contenuti. Diciamo piuttosto che indica la "autorevolezza" delle pagine.

(per saperne di più vedi: >Come funziona Google)




Analisi dei risultati e "aggiustamento" della ricerca.


Le parole chiave che abbiamo utilizzato per la ricerca vengono evidenziate in grassetto nell'elenco delle pagine trovate. Possiamo quindi renderci conto del tipo di logica con cui il motore ha utilizzato le nostre indicazioni e fare i necessari aggiustamenti.
Facciamo subito un esempio pratico utilizzando il motore di ricerca Google direttamente da questa pagina.


Immaginiamo di lavorare ad un progetto teatrale per la scuola e cerchiamo di documentarci:

Prova !

Inserite le parole chiave: teatro a scuola poi premete Cerca con Google.

Avrete notato che Google ha trovato migliaia di pagine (il numero è riportato in testa all'elenco).
Per avere risultati rilevanti è quindi utile tentare di restringere il campo della ricerca.
Nel nostro caso potremmo ritentare utilizzando termini più precisi, come: animazione teatrale a scuola.
(Ma attenzione: termini troppo specifici possono condurre a risultati scarsi!)

Nella frase che abbiamo utilizzato Google non ha preso in considerazione la parola "a" (infatti alcuni motori per velocizzare l'analisi delle pagine tralasciano parole considerate troppo diffuse e scarsamente rilevanti).
Quindi sono rimaste solo le parole teatro/scuola che in alcune pagine si sono combinate aggirando il nostro senso logico: teatro(a)scuola, ma anche scuola(di)teatro.
In questi casi è possibile ricorrere ad operatori logici, cioè segni o termini che combinati alle parole chiave indicano ai motori quale tipo di logica devono seguire nella ricerca.
Nel nostro esempio potremmo dire al motore di cercare solo le pagine che riportano esattamente la frase che abbiamo scritto, in questo caso dovremmo aggiungere le virgolette: "teatro a scuola".
Dunque le virgolette sono operatori logici.





Impiego degli operatori logici.


E' bene ricorrere agli operatori logici solo quando i normali tentativi non danno i risultati attesi.
Infatti ogni motore di ricerca utilizza programmi specifici che interpretano diversamente questo tipo di comandi. E' quindi utile consultare le istruzioni per la ricerca riportate da ogni motore (di solito sono sintetiche e corredate da esempi).
Qui vi segnaliamo alcuni operatori logici che sembrano funzionare su diversi motori:

esempio
operatore logico
significato
"teatro a scuola"
" "
Cerca solo le pagine che contengono esattamente la frase chiave
sport + golf
+
Cerca solo le pagine che contengono entrambe le parole chiave
sport - calcio
-
Esclude una parola dalla ricerca
calcio OR soccer
OR
Cerca le pagine che contengono una parola chiave oppure l'altra
title: impressionismo
title:
Cerca le pagine che contengono la parola chiave nel titolo
url: einstein
url:
Cerca i siti che contengono la parola chiave nell'indirizzo internet
link: www.topogigio.it
link:
Cerca le pagine che contengono un collegamento al sito indicato


A volte combinando gli operatori logici riusciamo a dare istruzioni molto dettagliate. Esempi:

"animazione teatrale " + scuola
calcio OR soccer - football





La ricerca avanzata
(...che non è il rimasuglio di quella precedente!)

Molti motori di ricerca riportano l'opzione "ricerca avanzata". Si tratta di una pagina che contiene un modulo per ricerche "di precisione". In questo caso è il motore ad interrogare noi, guidandoci nella formulazione di richieste precise (prevalentemente basate proprio su operatori logici).

Per farci un'idea diamo un'occhiata al motore di ricerca Altavista, noterete che tra gli strumenti a disposizione abbiamo l'opzione "ricerca avanzata":

Prova !

Vai su Altavista e prova l'opzione "ricerca avanzata":

Altavista
(clic sul logo
)

Come avete visto il modulo è abbastanza semplice: ci guida all'inserimento di parole chiave e descrittori che verranno usati per l'impostazione di operatori logici.
Possiamo anche tentare una ricerca avanzata senza completare necessariamente tutti i campi del modulo.




Principali motori di ricerca.


I motori di ricerca disponibili sono davvero tanti e ognuno ha funzioni e "specializzazioni" differenti (c'è chi trova meglio i testi, chi è velocissimo nel reperire immagini, chi i file multimediali, ecc.).
Se volete conoscere e provare le differenze visitate il sito: MotoriDiRicerca.IT
Offre informazioni dettagliate sui principali motori di ricerca nazionali e internazionali, la possibilità di provarli direttamente e tantissime altre informazioni (questa è una "pillola", ricordate?).